Office 365 gratuito per gli enti “NO PROFIT”

Innanzitutto 2 parole su cosa sono gli “Enti no Profit”.

Gli Enti no profit sono parte del cosiddetto Terzo Settore, ossia quello a cui appartengono le istituzioni e le organizzazioni che si collocano tra lo Stato e il mercato.
Gli enti e le organizzazioni qualificabili come no profit sono soggetti caratterizzati da una serie di elementi comuni quali:

  • perseguimento di finalità socialmente rilevanti e di pubblica utilità;
  • mancanza di finalità di lucro e di distribuzione di utili;
  • natura privatistica;
  • impiego di tutte le risorse per la realizzazione del proprio scopo.

Sono organizzazioni che coniugano l’assenza di profitto con un intento altruistico e che si dedicano ad attività socialmente utili e rilevanti in diversi settori quali quello culturale, di ricerca, di studio, assistenziale, sanitario, ambientale.
Gli enti no profit possono essere strutturati in diverse forme giuridiche, quali ad esempio:

  • associazioni riconosciute;
  • associazioni non riconosciute;
  • fondazioni;
  • comitati;
  • organizzazioni di volontariato;
  • cooperative sociali;
  • organizzazioni non governative;
  • associazioni di promozione sociale;
  • associazioni sportive dilettantistiche;
  • O.N.L.U.S.;
              • imprese sociali;
              • trust.

E’ un passo importante in linea con i nostri tempi. Infatti si stanno moltiplicando le persone che non solo fanno volontariato ma hanno realizzato il proprio progetto lavorativo nel sociale. Anche Manager di società commerciali che una volta usciti realizzano un nuovo modo di lavorare e condividere la remunerazione.

In pratica, oggi la versione di Office 365 Enterprise E1 che costerebbe 6,5 per persona / mese e contiene Exchange Online, Lync Online, SharePoint Online e Office Web App, è completamente gratuita in abbonamento per questa tipologia di Enti mentre la versione Enterprise E3 con Office costa per loro solo 4,3€al mese per utente con 5 download di Office Professional Plus. A breve uscirà la versione per piccole aziende fino a 25 utenti.

Condividendo la posizione di Microsoft Cloudea offre a questa tipologia di organizzazione un supporto completamente gratuito per tutto il periodo di test del servizio e assistenza gratuita nella migrazione del dominio della posta elettronica e mette a disposizione per i propri clienti i tutorial di formazione online.

Per verificare se siete eleggibili per avere Office 365 gratuito Microsoft mette a disposizione un sito, per ora in Inglese, che descrive quali sono le organizzazioni che possono ottenere questo beneficio.

Per ogni informazione e per provare gratuitamente con noi Office 365 scriveteci a noprofit@cloudea.it o visitate il nostro sito alla pagina no profit

Microsoft acquista Nokia: copia Apple e Blackberry? O risponde a Google?

Una cosa che distingueva Microsoft da altri operatori ed in particolare da Apple, è che, mentre quest’ultima possiede anche l’hardware e quindi si permette di ottimizzare iOS e il device in un colpo solo, Microsoft produce Sistemi Operativi multidevice  come Google e quindi installabili su diverse tipologie di Hardware, denotando una certa apertura verso i produttori di hardware.

image

Con la notizia dell’acquisizione da parte di Microsoft di buona parte di Nokia e di un possibile ritorno nel ruolo di AD, Stephen Elop sembrerebbe che il ruolo dell’hardware negli apparati mobili sia distintivo nella nuova era del Cloud.

Lasciando da parte le dietrologie per cui Elop, che era a capo della divisione Office fino al 2010 è uscito per fare gli interessi di Microsoft in Nokia, resta il fatto che la strategia ci appare nuova.

Blackberry da sempre, e Apple con i-Phone, per parlare di apparati mobili, hanno percorso una strada tecnologica “full stack”, mentre Microsoft sia su PC o Server sia su Mobile fornisce i sistemi operativi e le applicazioni ma non l’hardware, avendo tra i suoi punti di forza, la possibilità di adattarsi a diversi costruttori hardware, ma pagando in ottimizzazione delle performances, nell’integrazione tra hardware e software.

Con questa scelta di campo si profila la possibilità che nell’arena mobile, l’unico multivendor resti Google con Android, oppure semplicemente Microsoft risponde alla provocazione del Google Nexus?

La cosa certa è che l’apertura del sistema operativo, la flessibilità nello sviluppo di applicazioni e la disponibilità di app gratuite che ha Android rispetto ai competitor è ancora l’arma vincente di Google anche su Apple. E Microsoft oggi sta nel mezzo tra Apple e Blackberry, che è l’unico senza strategia innovativa.

Per i servizi  Cloud e in particolare Office 365 questa mossa di Microsoft fa molto bene perchè diffonde i servizi nel mondo mobile, come già sta avvenendo con l’operatore 3 e il Lumia 925 che si acquista con Office 365 incluso, per 1 anno.