SMAU 2015 vetrina per Start-up

Spesso si dice che siamo agli inizi di un periodo straordinario come lo era il primo novecento comparando i due inizi di secolo. Il fermento di innovazione anche in Italia è molto attivo e SMAU 2015, sembra diventata una fiera delle Star-up.

Girando per gli stand si respira aria di innovazione perché l’area dei piccoli desk delle numerose giovani società è più grande di quella delle poche società istituzionali che normalmente vi partecipano. I grandi Vendor  hanno infatti lasciato lo spazio e “la condivisione della spesa” ai loro partner presenti sul territorio.

Esempi come TIM che presenta le sue Start-up, sono vicini alle zone dedicate dalle maggiori regioni italiane agli incubatori istituzionali presentano le loro neo nate società e idee.

image

Digitalic ha fatto una bella ricerca presentando  la mappa geografica delle Start-up in Italia da cui si vede che le tre regioni più attive sono come al solito la Lombardia, l’Emilia Romagna ed il Piemonte: tuttavia girando per SMAU a Milano anche diverse regioni del  Sud presentano progetti interessanti.

I temi nuovi oltre alle solite declinazioni del social marketing ed alle stampanti 3D sono sicuramente esercizi legati alla Robotica, alla Salute ed all’Energia.

In particolare sono rappresentati strumenti e servizi per disabili e persone anziane e nel mondo dell’energia almeno una decina con soluzioni di risparmio e controllo energetico interessanti.

QUI le principali aree di innovazione proposte da Startup Italia.

Per finire voglio segnalare anche alcune società presenti sul mercato da qualche anno che con il desk della Star-up hanno lanciato nuove idee.

Mi è piaciuta quella di una web agency di Pescara che cerca definitivamente di recuperare gli ultimi resistenti al web con la possibilità di progettare il proprio sito su carta e realizzarlo da solo tutto incluso con dominio attraverso l’acquisto di UNA SCATOLA che ha tutti gli ingredienti (template grafici da comporre sul tavolo di cucina ed istruzioni per realizzare sul web) per fare il lavoro autonomamente.image

Like Digital si chiama ed il Like Digital Store è presente su Facebook

Per i nativi digitali l’esperimento è assurdo, tuttavia sono ancora molte le persone e le attività che non hanno dominio e sito web moderno e accessibile. Queste prima di rassegnarsi a scomparire possono comprare  la scatola per circa 130€ e entrare nella più grossa directory della storia che è Internet.

Siamo in piena evoluzione e anche gli ultimi riceveranno una mano per salire a bordo del nuovo mondo.