ALLA RICERCA SPASMODICA DEL VALORE AGGIUNTO

Nel 2015 c’erano tutte le condizioni perfette per un rilancio dell’economia e delle imprese.

I tassi erano al minimo, il prezzo del petrolio al minimo storico, l’euro era svalutato ma non è cambiato nulla, perché?

Molto probabilmente non ci accorgiamo che questo non è un momento di crisi passeggeraghigliottina

 

ma è una vera e propria RIVOLUZIONE in quanto tutto è diverso dal passato e nulla tornerà come prima.

 

Si sente dire che i consumatori non hanno soldi, che gli stipendi sono ridotti, che c’è una grande disoccupazione. Se da un lato queste affermazioni sono reali, in effetti si vede una generale inflessione del potere di acquisto, ci rendiamo però perfettamente conto che la raccolta nei fondi di investimento non è mai stata alta come in questo periodo e che ad una diminuzione per esempio del 40% degli stipendi non corrisponde una diminuzione del 40% della spesa nel suo globale.

In effetti le persone continuano a spendere ma in modo differente. Ci si è resi conto che se anche non si cambiano le auto di proprietà ogni tre anni o i vestiti ogni anno si vive bene lo stesso.

Oggi si deve parlare di consumatori NEO-SOBRI e non neo-poveri come nell’accezione comune. La pubblicità Indotta del tempo passato non influenza più gli acquisti. I NEOSOBRI sono alla ricerca spasmodica del SERVIZIO, del valore aggiunto che accompagna prodotti apparentemente uguali ed in forte concorrenza tra loro.

www.italents.org_

Per esempio le persone ricercano il valore aggiunto, ad esempio, nella ristorazione, nell’elettronica, nel settore dei trasporti:

  • Vincono le catene della ristorazione come “rosso pomodoro” dove si mangia discretamente, spendendo poco ma dove il servizio è al “top” e le persone sono formate a servire. Dove vengono accettate tutte le carte di credito e tutte le forme di pagamento e al momento del conto non ci sono sorprese
  • Si preferisce andare nel ristorante con chef stellato una volta all’anno perché poi si puo’ raccontare tutto l’anno l’avventura che non andare tante volte in ristoranti di media qualità con prezzi medio-alti
  • i ragazzi si privano di molte cose ma non sicuramente dello smartphone di ultima generazione che permette loro di essere continuamente collegati ed informati.
  • Si predilige il car-sharing ai taxi e il noleggio a lungo termine rispetto all’acquisto di auto nuove il primo perché permette di ridurre sensibilmente i costi e favorisce le relazioni interpersonali e il secondo per avere sempre auto efficienti con copertura di garanzia totale senza avere importanti esborsi finanziari in un prodotto altamente deperibile

Immagine1

La ricerca di prodotti/servizi ad alto valore aggiunto è favorita dall’utilizzo della rete in quanto qui le informazioni a disposizione hanno messo a nudo la concorrenza e riportato il mercato a prezzi equi.

Se una volta si andava in un ristorante del quale non si sapeva niente e che quindi poteva tenere prezzi anche medio-alti ora con TripAdvisor tutti possono trovare informazioni su qualità del cibo, qualità del servizio , velocità del servizio e soprattutto rapporto qualità prezzo. C’è quindi un ampio ventaglio di scelte possibili e i consumatori sempre più prendono le decisioni verso ciò che soddisfa i propri gusti personali, ciò che permette di essere “protagonisti”, ciò che apporta benessere dal punto di vista psico-fisico, ciò che non fa perdere tempo.

Le persone, siano esse consumatori o lavoratori presso aziende, sempre più ricercano la propria felicità data dall’equilibrio tra lavoro, hobby e benessere e famiglia. Una leva importante diventa quella del tempo e della qualità.

E’ iguanaquindi un momento storico di profonda trasformazione, rivoluzione dove i tempi sono veloci, le tecnologie incalzanti, il mercato in continuo fermento e movimento e solo le aziende più adattive troveranno l’opportunità di non solo rimanere in piedi
ma addirittura di espandersi. Chi non evolve sarà destinato all’estinzione.

 

E’ il momento giusto di vedere la realtà con occhi differenti, rivedere i propri processi, sviluppare business anche collaterali a quello “core” con l’utilizzo di metodi completamente nuovi , attivare sistemi organizzativi a network e collaborativi, valorizzare le risorse interne , saper sfruttare le nuove tecnologie e non aver paura delle stesse.

cloud2nosfondo

Oggi più che mai è il momento di concentrarsi principalmente sul “fare business” e non sui “mezzi per fare business” … i  mezzi ci sono e basta saperli sfruttare. I consumatori ci sono e continuano a fare acquisti anche se in una modalità differente. La rete offre opportunità mai avute prima.

Di questo e di molto altro parleremo durante l’evento del 6 maggio all’Istituto Boella in collaborazione con Cloudea, OfficinaFuturo e Wattajob, proprio perché si prenda consapevolezza delle possibilità del momento e di come reperire le giuste competenze per “evolversi”.

Per iscriversi all’evento: REGISTRATI ALL’EVENTO