Donne nell’era digitale

Il giorno 16 maggio mi recai presso l’Agenzia delle Entrate per registrare come Presidente la nuova Associazione di Promozione Sociale Senzabollette (www.senzabollette.org)  che ha lo scopo di divulgare portando a conoscenza di tutti le possibilità di vivere in modo più sano dal punto di vista psico-fisico in case ad alta efficienza energetica nel pieno concetto delle energie rinnovabili per una corretta tutela ambientale e sostenibilità economica.

Quando l’impiegato dello sportello ha letto lo scopo dell’Associazione ed ha recepito chi ero  esordì con un:  “sarebbe lei il Presidente di queste cose ?”

Nel mese di Giugno, invece, visitando la Grande Fiera di Cuneo mi sono imbattuta in uno stand che presentava un prodotto innovativo interessante ai fini della nostra Associazione. Ho stretto relazione con l’espositore per illustrargli i nostri scopi e trovare un accordo ai fini di proporre un evento divulgativo per gli associati proprio su questi prodotti. Dopo aver ascoltato mi risponde: “ma adesso anche le donne si occupano di impianti ed energie rinnovabili?”; sono sicura che lo ha detto come battuta ma, come diceva mio padre, dietro a ogni battuta c’è sempre un fondo di verità. In ogni caso una ventina di stand più avanti un operatore con meno, chiamamole, “credenze” ha accettato la proposta e così potrà relazionarsi con un pubblico attento all’ambiente e al portafoglio.

Battuta per battuta 🙂  : leadership-femminile-lavoro

Perché ho raccontato questi due aneddoti? Giusto per introdurre qualche osservazione che vorrei fare come imprenditrice sul ruolo delle DONNE in questo periodo molto particolare non tanto di trasformazione digitale quanto di evoluzione economica, politica, organizzativa ma soprattutto culturale.

Sin dai tempi antichi, a parte alcune culture completamente matriarcali come le civiltà precolombiane estinte da tempo, il ruolo della donna è sempre stato di secondo piano. Anche la cultura greca, pur raccontandoci di tante Dee o di figure femminili nelle tragedie e nelle commedie, è sempre pervasa da un costante maschilismo dove la donna è consideratamedusa puramente una madre di famiglia oppure un oggetto sessuale. Anche la lingua italiana predilige il sesso maschile: si pensi a quando ci si rivolge ad una platea eterogenea e nei plurali viene sempre utilizzato il sostantivo maschile. Inoltre, culturalmente, a parte alcune rare eccezioni non è da dimenticare che quando una donna si sposa assume il cognome del marito, quasi ne fosse una proprietà.

E’ sempre stato scomodo dare voce al cosiddetto “sesso debole”, forse perché si ha paura di perdere in potere o in prestigio?

Dal punto di vista biologico una donna è normalmente meno competitiva, più collaborativa ed attenta ai dettagli e alle sfumature e capace di passare velocemente durante il lavoro da una situazione all’altra. Per il fatto di essere deputata alla generazione della prole, soprattutto diventando madre, non sente la necessità di ricercare un’approvazione o un prestigio da parte degli altri. Ha già raggiunto il massimo potere che si possa ottenere e lo manterrà per tutta la vita.  Se vuole mettersi in gioco come imprenditrice, politica, magistrato o altre posizioni di potere non è sicuramente per affermare la propria supremazia ma solo per essere veramente d’aiuto ed efficaci in qualsiasi situazione.

Nel 2017 ci sono sicuramente già molte più donne in posizioni di potere rispetto a dieci anni fa ma sono sempre in minoranza e comunque obbligate a confrontarsi quotidianamente con un modello mentale e culturale decisamente maschile.

Facendo un’analisi del personale docente in alcune Università italiane, la percentuale di docenti femminile è molto al di sotto del 30% e nelle Università più importanti non si vedono rettori donne.  Questo, in un periodo di profonda trasformazione come stiamo attraversando, potrebbe sfavorire un’apertura mentale dei nostri futuri laureati verso nuove visioni e nuovi modelli culturali e di business.

classifica donne in politica

Ci sono molte classifiche sulla presenza femminile nei parlamenti dei vari stati. Al primo posto c’è il Rwanda con il 60% di donne,  l’Italia è 32° , la Francia 44°. Vista la classifica e i paesi nelle prime posizioni verrebbe da pensare che dove ci sono percentuali alte di donne la situazione del paese non è “felice” (a  parte i paesi nord-europei) ma se analizziamo a fondo i modelli di questi Stati ci rendiamo conto che proprio dove c’è una forte presenza femminile non è lì che viene esercitato il potere.

managerincongedoI paesi del Nord Europa si distinguono per le loro organizzazioni ed economie. Fu interessante l’articolo apparso sui quotidiani un paio d’anni fa riguardante un manager d’azienda in piena carriera che aveva deciso di usufruire del congedo parentale per la nascita del figlio (anche in Italia l’uomo potrebbe usufruire dello stesso fino ad un anno di età del bambino). Non solo non ha subito conseguenze negative nel gesto, anzi ha ricevuto più velocemente la promozione per cui lavorava. A detta dei suoi responsabili “se è in grado di prendersi cura di un figlio SICURAMENTE sarà capace di prendersi cura della nostra azienda”.

Questo fatto apre le porte ad un cambiamento nei modelli. Fino ad oggi le donne si sono dovute far strada a suon di gomitate e sono praticamente escluse dalle “sfere di cristallo” che decidono per il bene o il male nelle varie situazioni. E’ importante che le percentuali di “quote rosa” siano in aumento ma le stesse dovrebbero poter agire secondo indole e inclinazioni a loro tipiche.

Pensiamo  in ottica di Smart Manager: quanto puo’ essere

Mother and daughter (4-5) in home office

smart una donna moglie e mamma 😊 : è un manager a tempo pieno, capace di gestire il bilancio familiare, attenta agli sprechi, in grado di gestire le attività proprie e del team (i figli , i mariti , gli animali domestici e molte volte anche i nonni), è insegnante, psicologa, sensibile e capace di soluzioni alternative.

In un periodo di profonda trasformazione come quella che stiamo vivendo è il momento di “dare voce” all’universo femminile. Occorre farlo con occhi nuovi e nuovi modelli organizzativi e iter procedurali. E’ inutile far ricoprire ruoli pensati prettamente per un’audience maschile: la donna è profondamente diversa e i benefici della sua mentalità si riscontrano maggiormente in organizzazioni più inclini alla sua personalità.

L’intelligenza emotiva non è solo un vantaggio nella vita, ma un vero e proprio valore competitivo e lavorativo, capace di influire in modo determinante sull’andamento del business.

Una ricerca risalente al 2016 utilizzando lo strumento Esci (Emotiional and Social Competency Inventory) ha preso in considerazione 12 parametri: orientamento al risultato; capacità di adattamento; abilità in formazione e tutoraggio di nuove risorse; gestione dei conflitti; empatia; autoconsapevolezza emotiva; propensione alla leadership; ruolo di influencer; consapevolezza organizzativa; visione positiva; lavoro di squadra; autocontrollo.

leadershipfemminile

Risultato? Le donne hanno un punteggio più alto in tutti gli aspetti dell’intelligenza emotiva, fatta eccezione per l’autocontrollo, dove non si osservano differenze di genere. Nello specifico la ricerca rivela che:

  • Le donne hanno l’86% di probabilità in più degli uomini di essere considerate come esempio di autoconsapevolezza emotiva
  • Le donne hanno il 45% in più di probabilità di mostrare empatia.
  • Il margine minore di differenza riscontrato tra i due generi è nell’avere un’ottica positiva. Le donne hanno infatti probabilità di dimostrarla solo il 9% in più rispetto agli uomini.
  • I manager percepiti come carenti di intelligenza emotiva hanno il doppio dei dipendenti che programmano di lasciare entro 12 mesi l’organizzazione

Si tratta di dati che “suggeriscono la necessità di avere più donne che assumano ruoli di leadership nelle organizzazioni”, sottolinea Daniel Goleman : “Storicamente nei luoghi di lavoro, è stata registrata la tendenza per le donne di considerarsi come meno competenti, mentre gli uomini tendono a sopravvalutarsi. La ricerca dimostra, tuttavia, che la realtà è spesso il contrario. Se fossero di più gli uomini ad adottare le competenze emotive e sociali come le impiegano le donne, sarebbero più efficienti nel loro lavoro”.

Molto della storia passata è stato frutto di grandi uomini che avevano sempre grandi donne alle spalle che li aiutavano e sostenevano nell’ombra e in silenzio… In un momento storico dove tutto si spinge sulla collaborazione, la condivisione, la capacità progettuale e di ricerca di soluzioni differenti, l’attenzione ai dettagli, il “sentiment”, l’analisi, il pensiero laterale e le nuove idee occorre dare un volto a queste “ombre” e lasciarle libere di esprimersi. Le nuove tecnologie digitali sono sicuramente le uniche abilitanti in un’ottica di perfetto equilibrio : lavoro-affetti-hobby.